radicali lecco liberali liberisti libertari
Soggetto aderente a Radicali Italiani
 
LOGIN
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!
CERCA NEL SITO
DOSSIER
TESTAMENTO BIOLOGICO

Immagine Agenda Coscioni

SCARICA QUI IL MODELLO DI TESTAMENTO BIOLOGICO E LA LETTERA DA CONSEGNARE AL TUO SINDACO!

Home / Dossier / APOCRYPHA / Italia serva del Vaticano

ITALIA SERVA DEL VATICANO

La Chiesa e l'identità italiana. Intervista al prof. Roberto de Mattei con tesi da brivido.

 

L'ITALIA? FATTA PER SERVIRE IL VATICANO

Intervista al Professor Roberto de Mattei, Vice Presidente del CNR

«Identità – afferma de Mattei – è una parola che a molti non piace, soprattutto a coloro che hanno assorbito la mentalità del pensiero debole, del pensiero post-moderno, del pensiero decostruzionista, secondo cui non bisogna parlare né di identità italiana, né di identità europea o di identità occidentale, né di identità cristiana, né di qualsivoglia identità, neppure di identità dell'io o del soggetto umano. L'uomo è concepito infatti come una struttura evolutiva, puramente materiale, inserita a sua volta in una rete di strutture materiali in evoluzione. La negazione del concetto di identità – aggiunge l'intervistato – parte dalla disintegrazione del soggetto umano, di cui si nega, con l'anima, l'unità e la coerenza interiore. Per il pensiero postmoderno, difatti, nell'universo nulla è, tutto evolve tutto è dunque relativo, nulla è assoluto; né l'identità, né la verità, né i valori immutabili nel divenire storico».

In che modo Dio entra nella sua definizione di identità?

La mia identità, vista staticamente, è ciò che permane, di immutabile, nel divenire della mia persona; vista dinamicamente, non è altro che la mia vocazione, il posto che Dio, fin dall'eternità, mi ha assegnato nell'universo e che ogni giorno sono chiamato a conquistarmi corrispondendo con la mia volontà alla sua. Ogni creatura libera e razionale ha una vocazione a cui è chiamata a corrispondere. La vocazione è la strada nella quale la Provvidenza vuole che ognuno operi e si sviluppi. La volontà di Dio è diversa per ogni creatura e ogni creatura che dal nulla si è affacciata al tempo è irripetibile. Anche le nazioni, come gli uomini, hanno un'identità e una vocazione. Le nazioni hanno una vocazione perché hanno un'identità: ma le vocazioni delle nazioni, che non sono immortali, si compiono nella storia, mentre quelle degli uomini, che hanno un'anima immortale, si compiono nell'eternità.

Qual è l'identità e la vocazione dell'Italia?

L'Italia non è nata il 17 marzo 1861 a Torino, e ancor meno il 2 giugno 1946 a Roma. L'Italia è una nazione più che millenaria, la cui identità ha iniziato a definirsi nella stessa epoca in cui si sono formate tutte le nazioni europee, nei lunghi secoli di transizione che vanno tra la fine dell'Impero romano e l'alba del Medioevo. La vocazione dell'Italia è servire il Papato, perché la nostra nazione è nata, ordinata a questo compito. Il corpo geografico dell'Italia ci aiuta a definirne l'identità spirituale e morale. Ma questa nettezza di confini, che fa dell'Italia una terra immersa nel mare – non un mare qualunque, ma quel mare Mediterraneo che è stato il crogiolo della civiltà – la dispone ad essere una terra di accoglienza e, allo stesso tempo, terra di espansione, di approdo e di partenza per lidi lontani. È per questo che la caratteristica dell'Italia è la sua universalità, la sua capacità di accogliere e di diffondere, come da una tribuna, il pensiero e i sentimenti di tutti i popoli della terra. Ma questa caratteristica, l'universalità, è ordinata a sua volta a ciò che l'Italia ha di più prezioso: il Papato.

In che modo il Papato si relaziona con la vocazione e l'identità dell'Italia?

Tra l'Italia e il Papato c'è, per così dire, una simbiosi. Non c'è nazione al mondo che abbia dato un numero di Papi così alto come l'Italia. Eppure la Chiesa non ha scelto tra i Papi i patroni dell'Italia. Avrebbe potuto scegliere i suoi patroni tra tanti Papi santi: ha scelto Caterina e Francesco, due santi che non furono Papi, non furono teologi, non furono sacerdoti. Religioso, non sacerdote, fu Francesco, religiosa laica, non suora fu Caterina. Essi ebbero in comune l'umiltà e lo spirito di abnegazione con cui servirono i Papi e la Chiesa. (...) San Francesco e Santa Caterina incarnano la vocazione e l'identità profonda degli italiani, un popolo chiamato a servire in maniera disinteressata la Chiesa e a governarla come "sovrappiù" della Provvidenza in ricompensa di questo servizio disinteressato.

La Chiesa cattolica è accusata, fin dai tempi di Machiavelli, di essere stata il principale ostacolo alla unificazione politica del nostro Paese, lei che ne pensa?

I fautori del Risorgimento nazionale, nel migliore dei casi, considerarono l'unificazione politica come il bene supremo dell'Italia e il Papato come l'ostacolo su questo cammino; nel peggiore dei casi si servirono, strumentalmente, dell'unificazione politica con l'intento di distruggere il Papato e la Chiesa. L'identità italiana non è solo genericamente cattolica, ma si definisce in funzione del Papato. La vocazione dell'Italia non è solo ospitare il Papato, ma servirlo, permettere al Papato di svolgere il suo ruolo universale. L'Italia è se stessa quando serve la Chiesa, l'Italia rinnega la propria vocazione, tradisce la propria identità, quando rifiuta la Chiesa. Alla universalità si oppone in questo caso il particolarismo, destinato ad avere il suo esito nella guerra civile, malattia plurisecolare dell'Italia. Non a caso Massimo Viglione definisce il Risorgimento come "una rivoluzione contro la millenaria identità degli italiani che ha provocato e tutt'oggi provoca un permanente stato latente di guerra civile".

Lei sostiene che la debolezza dell'identità cristiana dell'Europa presta il fianco allo scontro con l'Islam…

Mi preoccupa l' Unione Europea, che rifiuta il riferimento alle radici cristiane. Un' Europa priva di anima che vede la dispersione dei principi e dei valori che l'hanno creata. Un' Europa di cui lo storico inglese Niall Ferguson così prevede il futuro: «Una strisciante islamizzazione di una cristianità decadente è un esito plausibile: mentre gli europei anziani diventano sempre più vecchi, e la loro fede religiosa sempre più debole, le colonie musulmane, all'interno delle loro città si fanno sempre più estese ed evidenti nella loro osservanza religiosa». Da questo punto di vista condivido le considerazioni del senatore Marcello Pera secondo cui "lo scontro di civiltà in corso non è tanto quello tra Cristianesimo e Islam – che pure esiste ed è sanguinoso – quanto quello fra religione e secolarizzazione; per vincere questo scontro occorre qui in Occidente, e soprattutto in Europa, recuperare le radici della nostra Civiltà cristiana». Nell'Ottocento si scontrarono due ideologie forti: liberalismo e cattolicesimo. Ma oggi il vero nemico non è il risorgimentalismo liberale, e neppure l'ideologia forte islamica, bensì il "pensiero debole" che cede di fronte ad essa, rifiutando di vedere lo scontro di civiltà in atto, individuando come nemico, non chi attacca la nostra civiltà, ma chi denuncia l'esistenza di un attacco alla nostra civiltà. Di fronte alla sfida culturale rappresentata dall'immigrazione, l'Italia non può rinunziare al valore primario della sua cultura e della sua identità. L'identità non è mai conflittuale o divisiva, ma è al contrario aggregante, coesiva, unitiva: è un fattore di integrazione e di inclusione sociale, e quindi di stabilità. Un'identità forte può arricchirsi di elementi estranei ad essa, può integrarli, ma senza rinunciare a se stessa. Per questo oggi l'Italia deve voltare le spalle al relativismo e recuperare la sua identità, che non è cosa diversa dalla sua vocazione.

Di fronte a queste sfide qual è la soluzione che lei propone?

La soluzione ai nostri problemi, ai problemi dell'Italia e del mondo, trascende la politica, è culturale, e prima di essere culturale, è religiosa. Recuperare la nostra identità significa comprendere che non abbiamo ricevuto bene più grande del Battesimo, che non abbiamo ricevuto dono più alto della Chiesa cattolica, e per quanto riguarda l'Italia, del Papato. Non c'è bene nazionale o internazionale, di ordine naturale, che valga il sia pur minimo bene di ordine soprannaturale: quei beni soprannaturali che riceviamo con il Battesimo, che rinnoviamo con gli altri Sacramenti, e che la Chiesa cattolica ogni giorno ci amministra. Questa è la nostra identità: Christianus mihi nomen, Catholicus cognomen (San Paciano di Barcellona, Epist. Ad Symph., 4; PL, 13, 10), un'identità che costituisce la sola grande speranza, l'unica luce, nell'oscurità che oggi tenta di affliggerci.

(CR 961/04 del 30/09/06)


Vedere inoltre
Raccomanda la pagina ad un amico! Prepara la stampa
Cookie

Questo sito utilizza solo cookie  "tecnici"; in poche parole, non spia gli utenti. L'informativa completa è qui


IN EVIDENZA
Nessun evento

AGENDA
Mese PrecedenteGiu 2017Mese Successivo
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
Oggi

sito basato su xoops e realizzato da domenico saggese